È un Acireale poco brillante Superato il Troina ai rigori


il 28 Agosto 2017 - 09:04 583

calcio - coppa italia

È un Acireale poco brillante
Superato il Troina ai rigori

Gli ospiti imprecisi dal dischetto, granata da rivedere.

ACIREALE – L’Acireale passa il turno grazie all’imprecisione del Troina, anche nei tiri di rigore, ma resta la sensazione di una squadra da rivedere. A fronte dell’entusiasmo dei tifosi, la “prima” dell’Acireale di nuovo in D, in coppa contro il Troina, lascia più di qualche perplessità. Certo, possono aver influito il ritardo di preparazione e l’assenza in difesa dello squalificato Lo Nigro prima, e di Manes, infortunatosi dopo soli 20’ poi, a rendere insicura la formazione di mister Catalano. Il problema però è che la squadra non sembra avere ancora un’idea di gioco che sia diversa dal lancio per la prima punta, oppure sembra non essere ancora in grado di predicare il verbo del suo allenatore. Si vedrà più in là.

Intanto fa un figurone il Troina, messo bene in campo dall’indimenticato ex Peppe Pagana, che gioca con una finta difesa a 5, ma con i terzini pronti a sfruttare gli ampi corridoi lasciati sulle fasce dal 4-3-3 di Catalano per dare supporto agli attaccanti. Risultato, il Troina riesce a difendere in 5 e attaccare in 5. Sembra di vedere messo in pratica davvero il 5-5-5 di Oronzo Caná. Solo che questo funziona, è infatti i granata per tutto il primo tempo ci capiscono poco.

A parte un colpo di testa pericoloso di Testardi parato centralmente da Van Brussel in avvio, infatti, l’Acireale produce poco. Il Troina, guidato da un Melillo che salta avversari come birilli neanche fosse Messi, sfiora tre volte il vantaggio con Diop, che prima non arriva in scivolata sull’assist dell’ex Piyuka, poi si vede respingere da Provaroni una conclusione a botta sicura da due passi, infine in avvio di ripresa, servito da Talla Soare davanti alla porta vuota riesce a ciabattare a lato. Ci vuole invece Provaroni per mandare in corner il bolide di Melillo. L’Acireale si sveglia solo nel finale, con un tiro di Testardi che Van Brussel manda in corner, poi con un fallo in area su Scapellato che per l’arbitro vale il giallo per simulazione.

Si va così ai rigori, che il Troina riesce a sbagliare tutti. Tre su tre. Va avanti l’Acireale. Però…

Il tabellino

ACIREALE - TROINA 3-0 dopo i calci di rigore (0-0)

Acireale (4-3-3): Provaroni; Tumminelli, Di Mail, Manes (20’ pt Aleo, 44’ st Aloia), Dadone; Cocimano, Trippa, Lordi (27’ st Scapellato); Pannitteri (27’ st Lombardo), Barraco, Testardi. A disposizione: Fazzina, Palermo, Rossano, Albertini. Allenatore: Catalano.

Troina (5-4-1): Van Brussel; Correa (23’ st Rizzo), Del Col, Chiavaro, Orlando, Talla Soare (40’ st Santoro); Tuninetti, Da Silva (23’ st Mustacciolo), Melillo, Piyuka (1’ st Silvestri); Diop. A disposizione: Spano, Mattei, Giamblanco, Aiello, Fricano. Allenatore: Pagana.

Arbitro: Catanoso di Reggio Calabria.

Note: Ammoniti Dadone, Testardi, Cocimano, Trippa e Scapellato per l’Acireale, espulso per doppia ammonizione Tuninetti per il Troina. Angoli 5-4 per il Troina. Sequenza rigori: Cocimano (A) gol; Del Col (T) alto; Scapellato (A) gol; Silvestri (T) alto; Aloia (A) gol; Chiavaro (T) parato.


il 28 Agosto 2017 - 09:04 583