Tracollo Juve a Barcellona La Roma ferma l’Atletico


13 Settembre 2017 - 11:10 321

champions league

Tracollo Juve a Barcellona
La Roma ferma l’Atletico

I bianconeri cadono 3-0 al 'Camp Nou' sotto i colpi di Messi e Rakitic, mentre i giallorossi impongono lo 0-0 alla squadra di Simeone.

PALERMO – Comincia malissimo la Champions della Juventus: 3-0 per il Barcellona al 'Camp Nou' con un recital di Messi, in forma strepitosa, sotto gli occhi di chi vorrebbe succedergli al top del calcio mondiale, il connazionale Dybala. La 'Pulce' segna una doppietta, propizia il gol del 2-0 di Rakitic e prende un palo per questione di millimetri. Un riscatto pieno dopo essere rimasto a secco nelle due partite della primavera scorsa, i quarti di finale che avevano lanciato la Juventus verso Cardiff, 3-0 allo 'Stadium' e 0-0 a Barcellona. Gli alibi non mancano ad Allegri, che deve rinunciare per un motivo o l'altro a Chiellini, Howedes, Cuadrado, Mandzukic, Marchisio e Khedira. Ma non può preoccupare l'andamento della partita, in stile finale di Cardiff. Un bel primo tempo, chiuso però prendendo gol proprio all'ultimo minuto, un secondo tempo da fantasmi, senza più idee e, soprattutto incapacità di reagire.

"I ragazzi hanno giocato un bel primo tempo, ma in queste partite bisogna sfruttare le occasioni che ti capitano e noi nel primo tempo ne abbiamo avute – ha detto il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri a Premium Sport –. Poi, al primo errore, ti puniscono: loro hanno Messi che ti cambia le partite. Stasera dovevamo essere più cattivi nelle occasioni che abbiamo avuto. Le assenze non sono un alibi, dovevamo stare in partita anche nella ripresa, senza avere la fretta di pareggiare".

Nell’altro match con un’italiana protagonista, tanto Atletico e sprazzi di Roma per un esordio Champions da dividere a metà. Finisce a reti inviolate all'Olimpico il primo match dei giallorossi nell'Europa che conta con tanti rimpianti per Simeone, altrettanti applausi per il portiere giallorosso Alisson, e un paio di proteste giallorosse su falli in area, di cui una più che fondata. Ma se a Di Francesco rimane questo amaro in bocca, la formazione di Simeone ripenserà a tutte le occasioni sprecate, soprattutto per merito di un eccezionale Alisson che ha fatto dimenticare definitivamente l'addio in estate a Szczęsny. Il portiere della Nazionale brasiliana è il vero eroe della serata meritandosi i cori a squarcia gola della Curva Sud per uno 0-0 che fa sorridere più i tifosi romanisti che quelli spagnoli, soprattutto perché allontana antichi fantasmi Champions.

"Dopo 60' siamo andati in grande sofferenza – ha ammesso l’allenatore dei giallorossi Eusebio Di Francesco a Premium Sport –, abbiamo cercato di non buttare mai la palla, abbiamo una squadra che ha qualità tecnica, ma non dobbiamo regalare certi errori agli avversari. Abbiamo un grande portiere, che si è fatto valere, Alisson è stato determinante. Perché non abbiamo ancora i 90' nelle gambe me lo chiedo anch'io, probabilmente paghiamo la tournee' estiva. Perotti, Juan Jesus hanno qualcosa in più e hanno fatto il ritiro con me. Con il lavoro e la continuità – ha concluso –, i ragazzi riusciranno a migliorare la condizione fisica, che oggi è stata determinante".


13 Settembre 2017 - 11:10 321