Akragas, umiliazione eccessiva Alessi: "Di Napoli si dimetta"


il 12 Marzo 2018 - 12:19 656

calcio - serie c

Akragas, umiliazione eccessiva
Alessi: "Di Napoli si dimetta"

Gigante travolto dalla Juve Stabia, il tecnico non torna con la squadra e il patron tuona.

CASTELLAMMARE DI STABIA - L'Akragas continua a perdere, ma questa volta forse la formazione biancazzurra ha passato il segno. Una pesante umiliazione, quella subita dalla compagine della città dei Templi sul campo del "Menti" di Castellammare di Stabia contro la Juve Stabia, che ci ha messo davvero pochi minuti prima di esprimere la propria supremazia, andando a chiudere la gara con un 6-0 che non ammette alcuna replica ad un'Akragas incapace di reagire sul piano psicologico, prima ancora che su quello del gioco. E il giorno dopo è ancor più pesante rispetto ai novanta umilianti minuti vissuti in terra stabiese, visto che il rientro della squadra dalla Campania ha visto alcuni episodi che potrebbero cambiare gli equilibri all'interno dello spogliatoio, ma anche sul piano societario. Raffaele Di Napoli, tecnico che ha messo sempre la faccia per difendere la squadra e per manifestare le proprie speranze di giocarsi la salvezza ai playout, non avrebbe seguito squadra e staff e avrebbe preferito rimanere a Castellammare di Stabia, forse approfittando della vicinanza con la sua casa a Napoli.

Una decisione che non è affatto stata gradita da Silvio Alessi, il quale non ha preso bene la mancata presenza di Di Napoli insieme al resto della squadra al ritorno da Castellammare di Stabia. Il patron dell'Akragas ha sottolineato il senso di grande umiliazione provato durante la gara contro la Juve Stabia, e nel porre l'accento sulla scelta del suo allenatore di restare in Campania dopo la fine del match non ha usato mezzi termini nel dare un consiglio allo stesso tecnico: "È stata una sconfitta impietosa e umiliante, per la quale non possiamo che chiedere scusa a tutti. Oggi si è toccato il fondo e mi sono davvero vergognato. Pensavo ch dopo una sconfitta del genere, e in vista dei due derby siciliani consecutivi, l'allenatore Di Napoli tornasse ad Agrigento con il resto della squadra, e invece è rimasto a Castellammare di Stabia. Una decisione che non condivido e che mi lascia molto perplesso. Invito il mister a riflettere sula situazione che sta attraversando la squadra e a valutare l'opportunità di fare un passo indietro, rassegnare le dimissioni e dare una scossa all'ambiente, ormai triste e sconsolato".

Nella nota diffusa attraverso il sito ufficiale del club della città dei Templi, Alessi ha fatto capire che il fatto di aver proposto a Di Napoli di rimettere il proprio incarico nelle mani del club non ha come primo intento l'eventuale punizione per una serie di risultati negativi che continuano ad arrivare (19 sconfitte in campionato per i biancazzurri) ma soprattutto per dare una scossa ad una squadra che ormai vede avvicinarsi sempre di più la retrocessione diretta in serie D. Sono diventati sedici i punti di ritardo dal quartultimo posto, per poter giocare i playout bisognerebbe recuperarne almeno sei in otto giornate, ma Alessi in primis vuole ritrovare la dignità nella difesa della maglia dell'Akragas: "Le eventuali dimissioni di Di Napoli potrebbero servire solo per dare nuovi stimoli ai nostri calciatori. Voglio ricordare a tutti che sono rimasto da solo a finanziare la società, e i sacrifici sono stati e continuano ad essere enormi. È quindi solo per questo che chiedo ai calciatori di avere più rispetto per la nostra maglia".


il 12 Marzo 2018 - 12:19 656