Catania sempre più serbo Per la difesa c'è Jankovic


15 Giugno 2018 - 16:11 619

pallanuoto - serie a1

Catania sempre più serbo
Per la difesa c'è Jankovic

Arriva un connazionale del primo acquisto, il portiere Risticevic.

CATANIA - L'asse Catania Belgrado che ha già portato Risticevic a vestire la calotta rossoazzura numero 1, porta in dotazione alla rosa orfana del partente Kovacic un nuovo difensore, Filip Jankovic. Anch'egli serbo di nascita e di scuola Partizan, ha vinto numerosi titoli nazionali a livello giovanile, conquistando campionato e coppa nazionale serba a livello senior nelle ultime due stagioni. Con le giovanili della nazionale, Jankovic ha conquistato il terzo posto agli europei di Malta 2013 e il quarto di Istanbul 2014: "Ho scelto Catania perché sono stato colpito dall'ambizione del club. Giocare in un campionato importante come quello italiano poi è uno stimolo in più, soprattutto per un giocatore giovane come me che deve ancora progredire. Mi aspetto che il duro lavoro ci sia d'aiuto nel raggiungimento dei nostri obiettivi, i playoff sono certamente uno di questi. Non vedo l'ora di conoscere i miei nuovi compagni di squadra ed allenarmi insieme a loro".

Avviata e conclusa quasi in contemporanea alla trattativa con Risticevic, l'acquisizione di un nuovo difensore aggiunge un tassello fondamentale alla formazione di mister Dato, come sottolinea il Ds Giuseppe Corsello: "Chiaramente non è affatto casuale che Filip Jankovic provenga dal Partizan e anch’esso sia serbo, abbiamo fiutato la possibilità di portare una coppia di giocatori straordinari, ma qui è giusto parlare solo di Filip, un ragazzo giovane, ma già di grande esperienza di una scuola che non può discutersi e con una gran voglia di mettersi a disposizione. Il mister, vista la partenza di Kovacic, ci aveva chiesto un difensore che fosse duttile e potesse essere un regista di buon livello, Filip difende, tiene palla, la passa nei tempi e modi giusti, vede la porta in modo impeccabile, ma senza forzare mai il gioco e di certo pensare che parli la medesima lingua sportiva del portiere e del nostro capitano non può che far ben sperare. Mercato chiuso? Forse il presidente vuole regalarci ancora qualche opportunità per migliorarci! A prescindere non smetterò mai di ringraziarlo per quanto bene lavoriamo in sinergia su ogni trattativa".


15 Giugno 2018 - 16:11 619