Bellusci: "Palermo forte e maturo Per la serie A ci siamo anche noi"


il 11 Settembre 2018 - 16:21 666

calcio - serie b

Bellusci: "Palermo forte e maturo
Per la serie A ci siamo anche noi"

Il difensore rosanero mette alle spalle il passato e volge lo sguardo al match di Foggia.

PALERMO - Giuseppe Bellusci è pronto a diventare finalmente un leader per il Palermo che vuole giocarsi le proprie carte nel campionato cadetto. Si sono dette e scritte tante cose sul destino del difensore marchigiano, il quale, durante la conferenza stampa svolta oggi a Boccadifalco, ha ammesso di aver sperato in una chiamata dalla serie A, ma al tempo stesso di essere pronto a dare il massimo per i rosanero: "Non ho ricevuto nessuna comunicazione dalla società - ha esorito Bellusci in conferenza - . Dopo aver perso la serie A sul campo ho continuato a sperare di giocarci, a Palermo sto bene ma se fossero arrivate offerte da squadre di A le avrei valutate. Le offerte che sono arrivate erano di squadre di B, e quindi non mi sembrava giusto lasciare Palermo". Messo alle spalle ogni dubbio sulla permanenza, Bellusci ha discolpato una squadra apparsa indietro sul piano atletico: "Abbiamo iniziato la preparazione vera e propria a settembre. In ritiro c'erano troppi giocatori col punto interrogativo e Tedino voleva fare un modulo diverso, ma a mercato chiuso ci siamo sistemati. Ora è necessario ritrovare la giusta amalgama".

In un certo senso, si potrebbe dire che il campionato del Palermo inizierà sabato prossimo, con la sfida dello "Zaccheria" contro il Foggia. Le prime due partite hanno regalato altrettanti pareggi alla formazione rosanero, e stando al giudizio di Bellusci l'esito dei match con Salernitana e Cremonese è stato influenzato e non poco dal mercato ancora aperto: "Le prime due partite sono state disputate durante il mercato, è normale che le prestazioni e i risultati fossero influenzati da questo. Abbiamo giocato con la difesa a tre per tutta la scorsa stagione, è nelle nostre corde, ma ora dobbiamo rimettere tutto al posto giusto". Si parla anche dei tanti gol subiti dai rosanero, ben sei quelli incassati nelle prime quattro gare ufficiali. Il difensore sostiene che il reparto arretrato non sia l'unico responsabile di questa mole di reti subite: "Gli errori vanno distribuiti tra tutti, ora non dobbiamo più pensarci perchè va ritrovato l’entusiasmo e lo spirito battagliero che avevamo per affrontare un campionato di vertice".

A proposito del match contro i satanelli pugliesi, Bellusci sostiene che l'atteggiamento sarà alla base della prestazione che il Palermo fornirà, e di conseguenza del risultato. Fondamentale dunque essere concentrati, contro una squadra che ha cambiato pelle rispetto alla passata stagione: "Ci vuole un approccio più equilibrato alla gara. Ho visto giocare il Foggia, è nettamente più forte rispetto allo scorso anno. Dobbiamo fare bene, dare tutto e rispettare le scelte del mister". E anche il Palermo, stando a sentire l'ex di Ascoli e Catania, si è rafforzato e non di poco rispetto all'annata precedente. Anche perchè, oltre alle novità estive sulla rosa, Bellusci crede che il Palermo abbia imparato qualcosa grazie alla scorsa e deludente annata: "Penso che siamo più forti. L’anno scorso abbiamo commesso tutti degli errori, adesso siamo più maturi. Dobbiamo leggere meglio le partite, è un aspetto che va gestito meglio".

Si è fatto un gran parlare del rapporto tra Bellusci e Tedino, soprattutto dopo l'esonero del mister friulano nel finale della passata stagione. Il difensore vuole passare sopra ai precedenti e alle voci, facendo capire di volersi concentrare solo sul lavoro sul campo e sui risultati da raggiungere: "Io e il mister siamo ripartiti, non capisco perchè ancora oggi si continui a parlare del passato e non del presente. Ognuno di noi sta lavorando per cambiare il domani. Non dobbiamo più pensare a ciò che è successo, stiamo cercando tutti di mettere l’1% in più". Anche perchè la serie B va vinta sul campo, e lo stesso Bellusci ammette che la concorrenza per ottenere i posti per la prossima massima serie è folta, con tante squadre coinvolte: "Il Verona ha una squadra importante, così come il Benevento. Per la A ci siamo anche noi e il Crotone. C'è in corsa anche la Cremonese che è una squadra molto esperta".


il 11 Settembre 2018 - 16:21 666