Cecchinato, è semifinale Lajovic ko e best ranking


il 03 Gennaio 2019 - 21:48 851

tennis

Cecchinato, è semifinale
Lajovic ko e best ranking

Il palermitano vince in scioltezza e ora attende la sfida contro Berdych.

DOHA - Marco Cecchinato inizia il suo 2019 alla grande, e approda fino alla semifinale del torneo ATP di Doha, dopo aver sconfitto in due set Dusan Lajovic. Il giocatore serbo riesce a tenere testa al palermitano per quasi un parziale, il primo, che viene deciso e durante il quale arriva il cambio di passo da parte dell'allievo di coach Simone Vagnozzi. Proprio grazie alla vittoria del primo set arrivato al tie-break, Cecchinato cambia passo e diventa di fatto ingiocabile per un Lajovic che perde confidenza al servizio e soprattutto lucidità nella gestione dello scambio. Da qui arriva la vittoria per il tennista palermitano, il quale approda in semifinale dove affronterà Tomas Berdych, gigante ceco tornato ad altissimi livelli dopo un 2018 molto sfortunato.

Il primo set vive su un binario di grandissimo equilibrio, con entrambi i tennisti che puntano a sfruttare le proprie armi migliori. Cecchinato cerca di prendere la gara più sul piano del ritmo, puntando a scambiare il più possibile e variando velocità e profondità dei colpi. Lajovic, invece, trova una grande giornata al servizio, anche sulla seconda che viene servita con molta forza. Così, l'equilibrio rimane fino alla fine, con il serbo che concede solo le briciole in battuta mentre Cecchinato soffre un po' solo nel decimo gioco, quando deve rimontare da un pericoloso 0-30. Così il set può essere risolto in un solo modo, ovvero con il tie-break, in cui vanno in scena allo stesso momento la miglior versione del palermitano e il peggior Lajovic di serata: il serbo smette di essere performante al servizio e l'azzurro lo buca con i due primi mini-break che consentono di salire sul 5-0. Il resto del tie-break è formalità e viene chiuso sul 7-2.

In avvio di secondo set si avverte ancora la forte fiducia e la superiorità di Cecchinato, ma anche il momento di rottura prolungata di Lajovic, il quale concede le prime palle break: annullate le prime tre, non la quarta. Il serbo fa fatica a tenere il ritmo anche perchè il palermitano tiene una percentuale in continua crescita sui suoi turni di battuta, oltre ad aver trovato il giusto timing in risposta. Così Lajovic non riesce più a essere performante al servizio e soprattutto Cecchinato continua a fare male: nel quinto game arrivano altre due palle break, questa volta basta la prima per volare sul 4-1 e mettere una seria ipoteca sulla partita. Gli ultimi giochi vedono un Marco sempre più in palla provare a dare un po' di spettacolo, per il suo avversario la partita è praticamente finita, ma si arriva alla stretta di mano finale sul punteggio di 6-2.


il 03 Gennaio 2019 - 21:48 851