Trapani, il sindaco e l'assessore: "Dubbi sul passaggio di proprietà"


07 Marzo 2019 - 11:56 985

Calcio - Serie C

Trapani, il sindaco e l'assessore:
"Dubbi sul passaggio di proprietà"

La Lega Pro ha già espresso le sue perplessità sull'operazione

TRAPANI - Non solo il Palermo, anche il Trapani sta vivendo un periodo parecchio complicato della sua storia. A creare dubbi è la cessione del club granata da parte della Liberty Lines alla FM Service di Maurizio De Simone. Il campanello d'allarme l'ha fatto scattare la Lega Pro e a ruota tutte le istituzioni cittadine si stanno ponendo diversi questi. Il Sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida e l’Assessore allo sport, Vincenzo Abbruscato attraverso una nota hanno reso pubbliche tutte le loro incertezze:

La notizia del passaggio di mano del Trapani Calcio ci lascia alquanto perplessi. Se da un lato si aspettava, data la nota decisione della famiglia Morace di abbandonare la guida della Società, dall’altro non si comprende bene dove si sta arrivando. 
Fermo restando che il Comune di Trapani come ente istituzionale non può esercitare nessuna ingerenza tra rapporti di natura privata ed economica tra le parti, non si può sottacere l’interesse generale rappresentato dalla Società che milita in serie Lega Pro e che attira l’interesse e la passione del mondo sportivo trapanese.

Risulta particolarmente inusuale, quasi inquietante, il comunicato stampa della Lega Pro che senza mezzi termini, esprime forte preoccupazioni scaturite dalle verifiche di visure camerali e di bilancio della Società che è stata indicata quale cessionaria delle quote del Trapani CalcioAbbiamo seguito passo passo le vicende che da tempo hanno occupato le cronache anche non sportive della Società per il passaggio di proprietà ad altri imprenditori, anche con appelli pubblici a manifestare l’interesse di far continuare la gloriosa storia del Trapani Calcio. Abbiamo garantito, mettendoci la faccia, fiducia nella seria conduzione delle autonome trattative. Oggi, a fronte anche del citato comunicato, riteniamo indispensabile un ulteriore approfondito confronto con la Società“.


07 Marzo 2019 - 11:56 985