Catania, Novellino sconsolato: "Siamo stati troppo presuntuosi"


il 25 Marzo 2019 - 09:57 1.466

Calcio - Serie C

Catania, Novellino sconsolato:
"Siamo stati troppo presuntuosi"

"Questa sconfitta mi infastidisce parecchio e sono molto dispiaciuto per i nostri tifosi"

CATANIA - E’ sconsolato, Walter Novellino, dopo la debacle della sua squadra al “Granillo”, in riva allo Stretto. Una sconfitta pesante che elimina definitivamente il Catania dalla corsa al primo posto e, forse, anche dalla conquista del secondo posto. I rossazzurri, infatti, non approfittano della sosta forzata del Trapani che conserva tranquillamente la piazza d’onore e con la prospettiva che, nel prossimo turno, saranno proprio gli etnei a dover star fermi.

Il Catania che non t’aspetti è franato sotto i colpi ben assestati di una Reggina, ben messa in campo da Drago, che ha imposto il suo gioco sin dalle battute iniziali. La squadra rossazzurra, orfana del suo acciaccato capitan Biagianti, non ha retto alle ficcanti giocate avversarie, incassando una rovinosa, inattesa ed umiliante sconfitta. “L’approccio alla partita è stato buono – ha affermato Novellino nel dopopartita - creando anche i presupposti per segnare con Baraye ma poi le maglie dei reparti si sono gradualmente allargate. Non abbiamo retto sul piano caratteriale e mentale –aggiunge il mister - lasciando l’iniziativa agli amaranto”.

L’allenatore del Catania si sofferma, inoltre, sull’episodio che ha visto protagonista Alessandro Marotta che, al momento della sostituzione, ha palesemente manifestato il suo disappunto. “Credo che ce l’avesse con un giocatore della Reggina – sottolinea l’esperto allenatore - ma, al di là di ciò, non giustifico il nervosismo. Pretendo molto di più dalla mia squadra sotto il profilo caratteriale. Con la presunzione non andiamo da nessuna parte. Dobbiamo prediligere l’umiltà, non i colpi di tacco e di punta. Magari è stata colpa mia che in settimana non sono riuscito a trasmettere al gruppo la giusta determinazione ed il giusto atteggiamento. Adesso le chiacchiere non servono a nulla; c’è solo da lavorare sodo. Sapevamo di trovare una Reggina con l’acqua alla gola ma non l’abbiamo affrontata col piglio giusto. Ci è mancato l’importante apporto di Biagianti in mezzo al campo. Lui è un trascinatore e non è facile farne a meno. Questa sconfitta mi infastidisce parecchio e sono molto dispiaciuto per i nostri tifosi che ci hanno incitato al “Granillo” credendo in noi. Parlerò con i ragazzi alla ripresa degli allenamenti. Dobbiamo dimostrare maturità nel momento topico della stagione”.


il 25 Marzo 2019 - 09:57 1.466