Palermo, 50 giorni di tempo York Capital a lavoro


25 Marzo 2019 - 09:48 2.264

Cessione società

Palermo, 50 giorni di tempo
York Capital a lavoro

Una spinta alle negoziazioni potrebbero darla anche i risultati che verranno ottenuti sul campo

PALERMO - 50 giorni di tempo, poi il Palermo dovrà essere ceduto ad un nuovo proprietario. Almeno questa è la speranza di Foschi, visto che proprio il 15 maggio bisognerà iniziare a depositare presso la Covisoc i primi documenti utili per ottenere la licenza in vista della stagione 2019/20. L'edizione odierna de Il Giornale di Sicilia evidenzia come la situazione sia più tranquilla rispetto ai mesi passati, ma di certo adesso bisogna dare una sterzata alle trattative per la cessione della società:

“Aver saldato le scadenze federali di marzo ha in qualche modo creato un clima di maggiore calma, tale da aprire le porte all’ipotesi una soluzione ponte per permettere alla società di non essere aggredita dai creditori e, al contempo, dilatare i tempi per quel passaggio di proprietà atteso per metà marzo - si legge sul quotidiano -. Avere qualche giorno in più a disposizione, d’altronde, serve anche a dare maggior peso ai risultati della squadra di Stellone. Perché tra Serie A e Serie B c’è un abisso e chi vuole farsi carico della società preferirebbe farlo con una classifica che dia maggiori certezze rispetto a quella attuale“.


31 maggio, invece, bisognerà inviare la documentazione relativa ai dati contabili e in particolar modo il prospetto con l’indicatore di patrimonializzazione. Da questo punto di vista il club di viale del Fante non può di certo star tranquillo, infatti, le ultime due scadenza sono stata saldate solamente grazie all'intervento di Damir e della famiglia Zamparini. Il duo De Angeli-Foschi è a lavoro per far sì che vi sia un passaggio di consegne definitivo. 

Il fondo americano York Capital è sempre interessato e starebbe continuando ad analizzare i conti del club rosanero per riuscire quantificare l’esatta entità dell’investimento necessario per ripianare i debiti del club. Un ruolo determinante lo avranno anche le prestazioni sul campo dei rosanero allenati da Roberto Stellone: "Riuscire a staccare le concorrenti sfruttando i prossimi scontri diretti potrebbe dare una spinta ai negoziati, con la consapevolezza di non poter perdere troppo tempo. Perché a maggio busserà la Covisoc e lì servirà una proprietà solida“.


25 Marzo 2019 - 09:48 2.264